eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

martedì 10 aprile 2018


Patate italiane: «Solo insieme si può crescere»

"Nel 2015 in Emilia-Romagna abbiamo creato Opera perché insieme è più facile raggiungere i risultati. La media del valore delle pere in campagna nei sette-otto anni precedenti al 2015 oscillava dai 50 ai 60 centesimi il chilo; nel 2014, un'annata di produzione normale, era scesa a 35 centesimi il kg. Dopo la costituzione di Opera, formata da una ventina dei soci, i prezzi alla produzione negli anni 2015, 2016 e 2017 sono aumentati fino a livelli compresi tra 70 e 90 centesimi il kg". Così Roberto Cera (in foto), presidente della cooperativa Patfrut, ha spiegato i benefici dell'aggregazione ai produttori di patate presenti giovedì scorso a Celano (L'Aquila) all'incontro divulgativo "Patata del Fucino Igp, potenzialità di inserimento nella Gdo, nell'e-commerce e nella trasformazione industriale", organizzato dall'Associazione marsicana produttori patate (Ampp) e dal Consorzio di tutela dell'Igp.

Nell'occasione il direttore dell'Ampp e della Covalpa Abruzzo, Sante del Corvo, ha annunciato la collaborazione tra le due realtà abruzzesi e la Patfrut per la presentazione al Mipaaf di un Progetto integrato di filiera che prevede investimenti per oltre 50 milioni di euro.

"L'obiettivo - ha detto del Corvo - è garantire una crescita per i prossimi trent'anni alle nostre strutture. Intendiamo raddoppiare in pochi anni la capacità di produzione e di stoccaggio, ma anche cercare i giusti partner per crescere, perché da soli non andiamo da nessuna parte".


Il direttore dell'Ampp e della Covalpa Sante del Corvo, a destra, con Vittoriano Angeloni, presidente della Covalpa

"La patata italiana è un prodotto fantastico che tutto il mondo ci invidia - ha evidenziato ancora il presidente di Patfrut - In questo comparto, rispetto a quello della frutta, è più facile collaborare poiché la produzione è concentrata solo in quattro regioni: Campania, Emilia-Romagna, Abruzzo e Sicilia. Abbiamo il dovere di superare i campanilismi e le ideologie... Insieme - ha concluso Cera - ce la possiamo fare".

Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: