eventi
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 11 dicembre 2017


Promozione, ecco l'interrogazione di De Castro

Nel 2017 gli aiuti comunitari all’Italia per la promozione di prodotti agroalimentari sono crollati del 90%. “Nello specifico, dall’analisi dei dati a disposizione, gli aiuti sono passati in modo inspiegabile da più di 33 milioni di euro del 2016, a poco più di tre milioni quest’anno”. Così, Paolo De Castro, primo vicepresidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, ha riepilogato le motivazioni che l’hanno convinto a presentare un’interrogazione scritta all’Esecutivo Ue, co-firmata e sostenuta in modo trasversale da 37 europarlamentari italiani, tra cui anche Giovanni La Via.

“I programmi di promozione dei prodotti agroalimentari dell’Unione Europea – si legge nell’interrogazione - consistono in sovvenzioni provenienti dai fondi della Pac, Politica agricola comune, volte a rafforzare la competitività del settore agricolo dell'Ue, migliorare il grado di conoscenza degli elevati standard produttivi e dei meriti dei prodotti agricoli europei, ottimizzandone l'immagine sia sul mercato interno, sia sui mercati terzi”. Sono, insomma, uno strumento fondamentale e una risorsa preziosa per tutti gli Stati membri.
 
“L’analisi dei risultati dei programmi valutati ammissibili dalla Commissione europea per l'anno 2017 mostra come Paesi leader nell'applicazione dei regimi di qualità, e con un trend storico sempre ampiamente positivo, abbiano subito una significativa riduzione del numero di programmi beneficiari del supporto. Ma - denuncia De Castro - da un confronto dei dati dell’ultimo anno tra Francia, Spagna e Italia si è registrato un divario geografico senza precedenti”.

Con l’interrogazione alla Commissione europea, quindi, il primo vicepresidente della Comagri e gli europarlamentari firmatari chiedono di “giustificare una tale evidente assenza di bilanciamento, chiarendo le modalità di applicazione dei criteri seguiti in fase di valutazione e, in un’ottica di maggiore trasparenza verso i cittadini, di pubblicare i parametri valutativi riguardanti i programmi vincitori, così che possano essere sfruttati come modello da tutti gli interessati”.

Copyright 2017 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: