eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

venerdì 9 giugno 2017


Cesena Fiera: nuovo Cda, Piraccini confermato presidente

In un panorama fieristico nazionale in sofferenza, è positivo il 2016 di Cesena Fiera: fatturato a 4,7 milioni di euro, +21%; restyling del quartiere fieristico completato; avvio del percorso di privatizzazione della società; boom di Macfrut; crescita di altre manifestazioni fieristiche. Sono gli elementi salienti del bilancio di Cesena Fiera approvato nel corso dell'assemblea che ha nominato il nuovo consiglio di amministrazione composto da Renzo Piraccini, Ilenio Bastoni (direttore generale Apofruit), Roberto Graziani (titolare Graziani Packaging), Catia Guerrini (imprenditrice), Patrizio Neri (presidente Consorzio Jingold), Lorenzo Tersi (consulente wine&food), Enrico Turoni (Presidente Consorzio Cermac).

Confermato alla presidenza per i prossimi tre anni, dunque, Renzo Piraccini. "Ringrazio i soci della fiducia - sono state le parole del presidente - Sono convinto che attraverso un buon gioco di squadra con i colleghi consiglieri saremo in grado di valorizzare tutte le potenzialità della società, sviluppando sia l'anima globale sia quella locale".

Il fatturato al 31 dicembre scorso passa dai 3.820.754 euro del 2015 ai 4.743.180 del 2016, con un utile netto di 150.556, +21% rispetto al 2015. Il principale motivo di questa crescita è dovuto al rilancio di Macfrut, principale asset di Cesena Fiera, da cui deriva l'80% dei ricavi.

Nel corso dell'anno è stato completato il progetto di ristrutturazione che ha visto un investimento complessivo, totalmente autofinanziato di 3.752.000 euro. I lavori hanno riguardato l'intero complesso fieristico e determinato un notevole miglioramento estetico e funzionale della struttura che, a parità di superficie disponibile, si presenta ora come polo molto attrattivo per ospitare eventi e iniziative.

Nello specifico le opere di ammodernamento e ristrutturazione hanno riguardato: riqualificazione di tutta l'area esterna, incluso l'arredo urbano; completa ristrutturazione del padiglione "D", da cui sono stati ricavati sia il Centro Polifunzionale - ambiente modulare che può ospitare iniziative fino a mille persone - sia i locali che ospitano la Città del Gusto della Romagna; riqualificazione dei padiglioni "A" e "C" (il padiglione "B" è stato ristrutturato nel corso del 2015); restyling della Sala Malatesta Novello (ex Sala verde) e della hall del centro congressi; realizzazione di una nuova centrale termica a Gpl; nuovo impianto di illuminazione a led e impianto fotovoltaico; completa ristrutturazione degli uffici della fiera, realizzati nei locali ex-dogana; ristrutturazione degli ex uffici della fiera per ricollocazione della Sezione Doganale di Cesena.

Alla luce di ciò può dirsi pertanto completata la realizzazione del progetto di ristrutturazione che ha sicuramente contribuito all'incremento dei giorni di utilizzo della location. Da ottobre 2016 a maggio 2017 si sono realizzati a Cesena Fiera oltre 60 eventi, il 36% in più rispetto all'intero 2015.

Altre novità, sempre relative al 2016, hanno riguardato la nascita della Città del gusto della Romagna gestita dal network specializzato in enogastronomia del Gambero Rosso e l'assegnazione attraverso gara d'appalto alla ditta Summetrade del servizio di ristorazione del quartiere. Il completamento dei lavori di ristrutturazione ha permesso la realizzazione di due nuove manifestazioni che hanno incontrato un notevole successo di pubblico: Sono Romagnolo e Wellness Food Festival.

Nel corso dell'Assemblea di Bilancio il Presidente Renzo Piraccini ha reso noto tre fatti di rilievo verificati nel 2017. Prima di tutto i risultati della 34a edizione di Macfrut, svoltasi in primavera. Malgrado i soli otto mesi dall'edizione precedente, positivi i dati della manifestazione: più padiglioni (8), più espositori (1.100), più visitatori (39.182), in crescita il fatturato (4,078 milioni di euro). Si sono ulteriormente sviluppate le presenze internazionali, sia come espositori (23% del totale) sia come visitatori (25%), e questo rappresenta probabilmente l'aspetto più qualificante che lascia ben sperare per le edizioni future.

Il progetto Mac Fruit Attraction realizzato con i partner spagnoli di Ifema, oltre alla seconda edizione del Mena realizzato al Cairo dal 22 al 24 di aprile 2017, si svilupperà in una nuova edizione cinese. Mac Fruit Attraction China si terrà dal 22 al 24 novembre 2017 all'Exhibition Center di Shanghai: si tratta di un ulteriore passo in avanti nel processo di internazionalizzazione e che dovrebbe concludersi con una nuova fiera in Sud America per l'anno 2018.

In programma tre nuove fiere: il quartiere fieristico di Cesena quest'anno ospiterà un tris di manifestazioni organizzate da terzi: una fiera sul Vintage, una sull'Arte Contemporanea e una Fiera sul Natale.

Capitolo privatizzazione: in questi ultimi mesi si è positivamente realizzato il processo di vendita del 60% del capitale - detenuto dai soci pubblici Provincia di Forlì-Cesena, Comune di Cesena e Comune di Longiano - a soggetti privati interessati alle attività di Cesena Fiera. Il completamento di questo processo, vede oggi la compagine sociale formata da 18 soci, di cui 3 pubblici e 15 privati, in rappresentanza di partner industriali (Rimini Fiera), clienti o fornitori (Blu Nautilus, Best Union, Prostand, Creditpartner e Viaggi Manuzzi), Associazioni di Categoria locali (Cna e Unindustria), Istituti di Credito (Bper e Credito Cooperativo Romagnolo) e stakeholder del settore ortofrutticolo (Alimos, Cermac, Consorzio Il Biologico, Conip), oltre al socio Momenti Insieme che ha acquisito una partecipazione del 2% in rappresentanza di quattro associazioni di categoria territoriali e quattro imprese locali. Questo nuovo assetto sociale - che vede il Comune di Cesena quale socio di maggioranza relativa e la parte pubblica svolgere un ruolo di orientamento strategico e controllo della società, e che manterrà il potere di veto su alcune operazioni di carattere straordinario - dovrebbe permettere una gestione più snella ed efficiente, in linea con le aspettative.

Fonte: ufficio stampa


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: