eventi
FRESKON 2020
Salonicco (Grecia)
2-4 Aprile 2020

MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
CIBUS
Parma 
11-14 Maggio 2020  
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 7 febbraio 2017


Cibo del futuro, la parola d'ordine è servizio

Bonduelle, Orogel e Mutti sono i tre “campioni” italiani individuati dalla Sda Bocconi School of Management come esempio di imprese, nel campo dell'ortofrutta trasformata, capaci di spingere su prodotti con alto contenuto di servizio. Esempi di innovazione che vengono evidenziati nella ricerca “La servitizzazione nel Food & Beverage”, curata da Guia Beatrice Pirotti, Massimiliano Bruni e Matteo Vizzaccaro.

Le imprese che performano meglio sul mercato – ne sono state selezionate 143, escludendo micro aziende e colossi internazionali – sono quelle che si sono dedicati maggiormente al servizio a livello funzionale, informativo ed esperienziale. Insomma, pensare al solo prodotto non basta più e la ricerca della Sda Bocconi mette in mostra i trend che il cibo del futuro dovrà seguire.

Il consumatore vuole prodotti facili da usare, vuole essere coinvolto nella creazione dell'offerta e poi cerca informazioni (provenienza, tracciabilità e territorio). Attraverso la servitizzazione - la trasformazione da azienda che produce solo beni a impresa orientata al servizio verso il consumatore – è possibile soddisfare le (nuove) richieste del cliente. Ma soprattutto le imprese possono creare valore, fattore non da poco in campo ortofrutticolo.

Cibi facili da usare, dunque. E nella ricerca si fa riferimento alle carote a fiammifero cotte a vapore di casa Bonduelle; oppure le barbabietole a cubetti o ancora alle insalate pronte. Fruttagel, altra realtà toccata dallo studio bocconiano, è stata menzionata per il mix di vegetali surgelati che possono essere lessati direttamente nel forno a microonde.

Il premio Pomodorino d'Oro di Mutti, invece, viene indicato come simbolo di una filiera sempre più integrata, perché premia gli agricoltori impegnati nella ricerca dell'eccellenza qualitativa del pomodoro. Infine, sempre l'industria conserviera di Parma ha ripreso la tradizione della cattedra ambulante in agricoltura dell’Italia del XIX secolo, lavorando con i suoi agronomi ed esperti a fianco del coltivatore.

Copyright 2017 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: