eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 9 novembre 2016


I piccoli frutti di Sant'Orsola a Fruit&Veg Innovation

Il mirtillo, il lampone, la mora, il ribes, l'uva spina, la fragola di bosco: è il mondo dei berries, uno dei segmenti della produzione ortofrutticola in maggiore sviluppo in tutto il mondo, dall'America Latina agli Stati Uniti, dall'Australia al Sudafrica, all'Europa: con Polonia, Italia e Spagna nelle prime posizioni. La produzione mondiale dovrebbe raddoppiare nei prossimi cinque anni, secondo ricerche compiute negli Usa, per rispondere ai consumi crescenti sia del prodotto fresco che di quello surgelato, utilizzato nella pasticceria e nell'industria alimentare.

Sant'Orsola è una realtà che guarda avanti, all'innovazione e ha colto nella presenza a Fruit&Veg Innovation 2017, dove sarà espositore, un'occasione importante di sviluppo dei suoi contatti italiani e internazionali.
 
"La domanda di frutti di bosco si attesta su buoni livelli in Italia", afferma Matteo Bortolini, direttore della cooperativa trentina San'Orsola, uno dei primi produttori italiani ed europei. "Si tratta di una crescita continua e generale, anche se ci sono prodotti, quali mirtillo, lampone e mora, che sono maggiormente performanti e che incontrano di più il gusto dei consumatori rispetto, ad esempio, ad un prodotto quale il ribes rosso".

Sulle prospettive di mercato nei prossimi mesi, Bortolini sottolinea: "Le prospettive sono buone: quello dei frutti di bosco è ormai un mercato destagionalizzato, per cui il consumo è ormai pressoché costante per l'intero arco dell'anno. Rimane inteso che ci sono dei periodi durante i quali i consumi aumentano: in estate, tradizionalmente la stagione di produzione italiana di questi frutti, e poi nelle varie festività, compreso il Natale. In generale, i frutti di bosco godono di un'immagine assolutamente positiva, per la componente salutistica nonché per la valenza edonistica che li caratterizza. Il consumatore cerca prodotti convenience che rendano il consumo di frutta più semplice ed appagante rispetto a quello del prodotto tal quale. E i frutti di bosco si inseriscono perfettamente in questo contesto".
 
E proprio in questo contesto, come si sta muovendo Sant'Orsola? "Stiamo lavorando per aumentare la produzione delle aziende socie, in termini quantitativi e qualitativi", puntualizza Bortolini. "Il nostro obiettivo è raddoppiare i volumi, aumentando le rese produttive degli associati e attraverso l'ingresso di nuovi soci. Il traguardo è ambizioso: assicurare la fornitura di frutti di bosco di origine italiana per 365 giorni l'anno, con prodotto proveniente dai soci".
 
Sant'Orsola è una realtà che guarda avanti, all'innovazione e ha colto nella presenza a Fruit&Veg Innovation 2017, dove sarà espositore, un'occasione importante di sviluppo dei suoi contatti italiani e internazionali. Il Salone, che si propone nel contesto di Tuttofood dall'8 all'11 maggio prossimi, ha in essere alcune iniziative, a partire dalla Food Week, che rappresentano un'occasione unica per la promozione del prodotto ortofrutticolo e il suo business internazionale.

Fonte: Ufficio stampa Fruit&Veg Innovation


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: