eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 10 ottobre 2016


Testamento Caprotti, indicazione Ahold per il futuro

Quel cantiere in via Famagosta, a Milano, rappresentava un altro tassello della lotta tra Bernardo Caprotti, fondatore di Esselunga scomparso lo scorso 30 settembre alla soglia dei 91 anni, e la Coop. Perché proprio in quella posizione, davanti al quartier generale di Coop Lombardia, sono in corso i lavori per la costruzione di un nuovo superstore Esselunga. Una posizione strategica nel capoluogo lombardo – per la vicinanza alla fermata del metro e al parcheggio scambiatore – ma anche un presidio sulla sede del “nemico” numero uno.

La Coop, come ha raccontato nei giorni scorsi il quotidiano La Repubblica, è pure finita all'interno del testamento dell'imprenditore. Nelle ultime righe del documento con cui ha spartito il suo impero – affidando il controllo della catena alla moglie Giuliana e alla figlia Marina – Caprotti ha lasciato precise indicazioni sul futuro della sua creatura, auspicando una possibile cessione ad un player estero, ma mai e poi mai Esselunga deve diventare una Coop.

Ahold (colosso olandese che in estate si è fuso con la belga Delhaize, ndr) sarebbe ideale, Mercadona (gruppo spagnolo, ndr)  no”, ha scritto Caprotti nel testamento. Poi un monito sulla sua Esselunga. “Attenzione: privata, italiana, soggetta ad attacchi, può diventare Coop. Questo non deve succedere”.

Copyright 2016 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: