eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

venerdì 8 luglio 2016


Al via in Sicilia il Biodistretto Valle del Simeto

Oggi pomeriggio alle ore 18:00 alla Stazione San Marco di Paternò, in provincia di Catania, sarà ufficialmente costituito il Biodistretto Valle del Simeto, in presenza delle associazioni che da anni lavorano nella Valle: dagli agricoltori biologici e operatori turistici, alle associazioni culturali e sociali, dalle organizzazioni professionali e di categoria, ai rappresentanti dei comuni interessati, fino ai rappresentanti degli altri biodistretti siciliani.

“Sarà una celebrazione degli sforzi profusi - dichiara Alfio Furnari, presidente Aiab Sicilia - e un impegno collettivo per lo sviluppo sostenibile di questo territorio, poggiato sul modo di produrre, consumare e vivere biologicamente ed ecologicamente”.

L’associazione Biodistretto Valle del Simeto aderisce all’Aiab Sicilia e fruisce del marchio registrato dei Biodistretti nazionali Aiab (Associazione italiana per l'agricoltura biologica), rispettandone le linee-guida e i disciplinari.

Tra gli obiettivi dell’associazione, la valorizzazione, promozione, tutela e diffusione del metodo di produzione bio in campo agricolo, zootecnico, agro-industriale, forestale, ambientale e della cura e tutela del verde e del paesaggio, nonché nelle aree protette ai sensi della vigente legislazione nazionale e regionale.

Con Ifoam (Federazione internazionale dei movimenti di agricoltura organica) e Aiab, il Biodistretto Valle del Simeto si occuperà anche dell’elaborazione e aggiornamento delle norme e dei disciplinari relativi alle attività con metodo biologico e mezzi tecnici autorizzati, nonché del controllo della corretta osservanza nei vari processi di produzione, conservazione, trasformazione e distribuzione secondo le norme legislative vigenti.
Sarà, poi, sua cura la promozione e organizzazione delle attività di ricerca, divulgazione e la gestione sostenibile del territorio, come anche l’erogazione agli associati dei servizi di formazione, informazione, assistenza tecnica nell’agricoltura biologica e in tutta la filiera agroindustriale, con particolare riferimento alle micro- e piccolo-medie imprese, nel turismo e nel commercio. (rq)

Copyright 2016 Italiafruit News


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: