eventi
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

giovedì 23 giugno 2016


Unaproa: i dati confermano che la frutta italiana è sicura

L'ortofrutta in Italia è sicura. Lo confermano i dati del rapporto "Controllo ufficiale sui residui di prodotti fitosanitari negli alimenti", pubblicato dal Ministero della Salute e relativo al 2014, da cui emerge che il 99,5% dei campioni di ortofrutta analizzati è in regola con i limiti massimi consentiti dalla normativa vigente. Non conforme  dunque solo lo 0,5%, dove l'irregolarità rilevata è spesso amministrativa o burocratica e non relativa all'utilizzo fuori soglia di prodotti fitosanitari.
 
"Il rapporto rilasciato dal Ministero legittima ciò che UNAPROA sostiene e promuove da sempre e cioè che l'ortofrutta italiana, senza alcun dubbio, è  sana", afferma il Presidente Antonio Schiavelli. "Inoltre" continua Schiavelli, "i dati emersi rappresentano un momento importante, di vero e propriopatto di fiducia tra consumatori e produttori, perché testimoniano in maniera concreta gli sforzi e lo straordinario adattamento del sistema di produzione ortofrutticolo alle esigenze del consumatore e dell'ambiente".
 
Un risultato così positivo per il consumatore italiano (la percentuale totale di irregolarità è ben al di sotto della media europea), deriva anche da un aumento dei controlli da parte del Ministero della Salute e degli organi preposti, segno dell'interesse del Governo a tutelare i consumatori italiani, garantendo la sicurezza alimentare attraverso accertamenti costanti.
 
"Siamo passati da irregolarità pari al 5,6% nel 1993 al 2,1% nel 1996 e infine allo 0,5% nel 2014. Certo è - continua Antonio Schiavelli - che alla base troviamo il lavoro delle Organizzazioni di Produttori, che quotidianamente consente di raggiungere anche le imprese ortofrutticole più piccole per metterle in condizione di disporre di servizi che altrimenti non potrebbero avere, elevando così di fatto gli standard qualitativi e di sicurezza dei nostri prodotti".
 
"L'impegno che ogni giorno le OP e le loro imprese agricole mettono nella propria attività" conclude Schiavelli "consente di tutelare la salute del consumatore, senza prescindere dalla tutela del paesaggio, da una dimensione etica del lavoro e dal rispetto dell'ambiente. Una buona notizia per tutti gli italiani".

Fonte: Unaproa


Altri articoli che potrebbero interessarti: