eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 1 settembre 2015


Ricerca: il peperoncino aiuterebbe a mangiare meno

Un recettore chimico contenuto nei peperoncini può offrire la chiave per mangiare meno in modo da perdere peso e quindi combattere l'obesità. A dirlo sono i ricercatori dell'Adelaide University in Australia che hanno studiato su topi di laboratorio il meccanismo con cui il recettore detto "TRPV1" può attivare nervi nello stomaco che mandano i messaggi di sazietà il cervello. Hanno anche scoperto come le diete ad alto contenuto di grassi possono neutralizzare i recettori stessi, inducendo a mangiare troppo.

"Lo stomaco si espande quando è pieno, attivando nervi nello stomaco per dire al corpo che ha ingerito abbastanza cibo - spiega la responsabile della ricerca Amanda Page, del Centre for Nutrition and Gastrointestinal Diseases dell'ateneo, sulla rivista Plos one - abbiamo osservato che questa attivazione è regolata attraverso i recettori "TRPV1" dei peperoncini. È noto da studi precedenti che la capsaicina, contenuta nei peperoncini, riduce il consumo di cibo. Abbiamo scoperto che l'eliminazione dei ricettori TRPV1 smorza la risposta dei nervi gastrici all'espansione - con il risultato di ritardare la sensazione di sazietà e indurre al consumo di altro cibo. Quindi parte dell'effetto della capsaicina sul consumo di cibo può essere mediato attraverso lo stomaco. Nella prossima fase della ricerca - aggiunge - si cercherà di sviluppare una terapia di prevenzione dell'obesità usando la sostanza chimica senza l'effetto piccante. Cercheremo inoltre di determinare perché una dieta grassa sopprime i recettori TRPV1 e di cercare il modo di neutralizzare il danno".

Fonte: Wine News


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: