eventi
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 21 luglio 2015


Mafia, 20 arresti: i clan nel trasporto ortofrutticolo

Oltre 200 uomini della Direzione investigativa antimafia, supportati dalle forze di polizie territoriali, sono stati impegnati ieri, sin dalle prime ore del mattino, in un'operazione tra Campania, Lazio e Sicilia per l'esecuzione di 20 arresti, perquisizioni e un sequestro del valore di 100 milioni di euro.

Il Centro operativo Dia di Roma, coadiuvato dalle articolazioni Dia di Napoli, Salerno, Palermo, Caltanissetta, Catania e Bologna ha infatti eseguito un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Dda, nei confronti di 20 persone, ritenute responsabili dei reati di associazione mafiosa, illecita concorrenza con minaccia o violenza, estorsione ed altro. Dall'operazione, che prende spunto dalle precedenti "Sud Pontino" e "Store" già condotte da questa Direzione investigativa antimafia, è emersa la gestione monopolistica, operata dai clan Casalesi e Mallardo con quelli appartenenti a Cosa Nostra catanese, negli approvvigionamenti di prodotti ortofrutticoli e nell'imposizione dei connessi servizi di trasporto, da e per, i maggiori mercati del centro e del sud Italia.

Sono emerse, attraverso intercettazioni, servizi sul territorio, dichiarazioni di collaboratori di giustizia e indagini a loro riscontro, "le modalità di infiltrazione del clan dei Casalesi e del clan Mallardo nel sistema del trasporto su gomma dei prodotti agroalimentari commercializzati nei principali mercati ortofrutticoli della Campania, della Sicilia e del Lazio".

"In sostanza - osserva la Dia - i sodalizi criminali, imponevano ai commercianti i vettori da utilizzare, riconducibili a società di diretta loro espressione o asservite ad esse, ledendo così gravemente il sistema della libera concorrenza". Quaranta, complessivamente, le persone indagate. Contestualmente alle 20 ordinanze, è stata data esecuzione, in Campania, Lazio e Sicilia a un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip di Napoli, nei confronti degli indagati, delle società di trasporto, dei mezzi coinvolti e dei beni immobili ad esse riconducibili, valutato in svariati milioni di euro.

Fonte: AdnKronos


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: