eventi
CIBUS
Parma 
1-4 Settembre 2020  
MACFRUT 
Rimini
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

venerdì 26 giugno 2015


Wielander: continua regolare il piano di decumulo Vip

"Il piano di decumulo sta procedendo con flusso regolare ed è in linea con la quantità prodotta – dichiara Josef Wielander, direttore VI.P l'Associazione delle Cooperative Ortofrutticole della Val Venosta - e proseguirà fino alla prossima raccolta, garantendo l'uscita dai nostri magazzini di tutto lo stock ed una copertura adeguata dei nostri clienti per tutto l'anno grazie anche all'ottima tenuta del nostro prodotto.



Questi risultati, continua Wielander, li stiamo ottenendo grazie alla qualità eccellente del raccolto 2014 che è stato favorito anche dalle migliori condizioni atmosferiche. Rispetto al 2013, l'ultima raccolta non ha avuto un'esplosione quantitativa, ma è rimasta abbondantemente nella media standard, con un leggero incremento di circa 3%.

Per quanto riguarda il mercato, nonostante il fattore di crisi che sta attraversando l'Europa, Italia e Spagna restano i nostri mercati di riferimento, come pure tutto il Mediterraneo, soprattutto per la varietà Golden.

In particolare, nel Nord Africa stiamo implementando e migliorando la nostra presenza così come la nostra brand image.

Inoltre, stiamo continuando a guardare verso nuovi mercati come il Medio Oriente che, nonostante l'instabilità dovuta a lotte interne, resta un mercato interessante dal quale stiamo ricevendo feedback positivi.

All'avanguardia nel rinnovamento varietale, VI.P ha un assortimento di mele piuttosto ampio. Tra le principali varietà club c'è la Kanzi, dalla polpa compatta e dal perfetto equilibrio tra zuccheri e acidi. I suoi mercati principali sono la Germania e i Paesi Scandinavi, ma trova una buona nicchia anche in Italia e Spagna Altra nuova varietà club è la Envy, di origini neozelandesi, prodotta in collaborazione con VOG. Tra le varietà più interessanti è degna di nota la Pinova, mela di origine tedesca, che vede in Italia il suo principale mercato. Infine – conclude Wielander – l'anno scorso è iniziata la messa a dimora di Ambrosia, cultivar di mela nata in Canada da un incrocio naturale, dalla caratteristica tonalità bicolore e dal buon tenore zuccherino. Quest'anno sono stati immessi sul mercato i primi chilogrammi di Ambrosia ottenendo risultati molto positivi: è una garanzia perché Ambrosia va incontro alle moderne esigenze di consumo – continua Wielander – infatti, il suo sapore dolce e la qualità eccellente, soddisfano tutti i target.

Guardando al futuro, auspichiamo un buon raccolto, ma senza toccare quantità eccessive di produzione, per evitare un calo troppo marcato dei prezzi e per garantire il giusto equilibrio di tutta la catena produttiva. In questo modo, tutti gli attori coinvolti, dal melicoltore al consumatore finale, potranno ritenersi pienamente soddisfatti."

Fonte: Ufficio Stampa VI.P


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: