eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 26 marzo 2014


AGRUMI DI SICILIA & COLA COLA, VIA AL PROGETTO PER OTTENERE AGROENERGIA DA PASTAZZO

Il pastazzo degli agrumi: da rifiuto a fonte di energia. Da fattore di rischio economico e legale a opportunità per un'intera filiera, in questo caso quella agrumicola siciliana, dando vita a un circolo virtuoso che, dal semplice frutto e fino ai succhi e ai prodotti di conserva, è sinonimo di energia verde e di agricoltura sostenibile.

E' dedicato al riciclo in chiave energetica del pastazzo, lo scarto della trasformazione degli agrumi, sottoprodotto che ha sempre rappresentato un costo di smaltimento non indifferente per le aziende di trasformazione, il progetto del Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia con il finanziamento non condizionato di The Coca-Cola Foundation, organizzazione filantropica di The Coca-Cola Company. Si tratta di un esperimento innovativo coordinato dal Distretto che ha lo scopo di valorizzare gli scarti della lavorazione in collaborazione con l'Università degli Studi di Catania che, per il tramite del Dipartimento di Gestione dei sistemi Agroalimentari e Ambientali (Di.Ge.Sa), ieri a Catania hanno siglato un accordo. Erano presenti: Giacomo Pignataro (Rettore dell'Università di Catania); Giovanni Cascone (Direttore Di.Ge.Sa.); Federica Argentati (Presidente Distretto Agrumi di Sicilia); Dario Cartabellotta (Assessore Regionale Agricoltura); Vittorio Cino (Direttore Comunicazione e Relazioni Istituzionali Coca-Cola Italia) e i presidenti dei cinque consorzi di tutela degli agrumi Igp e Dop di Sicilia.

Il finanziamento di The Coca-Cola Foundation ammonta a 380.000 euro in due trance, legate a precise fasi di attuazione. In programma, dopo una prima fase di analisi di laboratorio, la realizzazione di un impianto pilota dove ricercatori e tecnici dell'Università di Catania studieranno dapprima la formulazione ideale del composto (biomassa) derivante dal pastazzo che consentirà di produrre energia "verde" e quindi i vari passaggi di produzione. Il Distretto inoltre si avvarrà del supporto della cooperativa Empedocle che sin dalle prime fasi ha collaborato alla redazione del progetto.

Quest'ultimo si concluderà fra circa un anno ed è suddiviso in due fasi: la prima – che ha preso il via in questi giorni – è la fase di studio e ricerca. "Entro il mese di maggio – spiega Federica Argentati, con la collaborazione del DiGeSA ed Empedocle dovremo portare a termine i primi test di laboratorio per mettere a punto la formula ideale da destinare al processo di trasformazione nell'impianto".

La seconda fase, che si chiuderà entro marzo 2015, vedrà invece la realizzazione dell'impianto pilota. Sarà la piattaforma tecnologica dove sperimentare il progetto e verificarne ogni singolo passaggio. Nell'ambito del progetto, a cura dei partner coinvolti sarà realizzato uno studio scientifico e redatto un manuale - una sorta di "istruzioni per l'uso" - destinato alle imprese della filiera. "Si tratta di un manuale tecnico – spiega Biagio Pecorino, Docente di Economia ed Estimo Rurale al Di.Ge.SA – che, insieme a tutte le indicazioni operative per ottenere il pastazzo ideale da destinare al riutilizzo agro-energetico, conterrà tutte le informazioni di carattere economico, normativo e burocratico per consentire alle aziende di adottare queste best-practice e, finalmente, di incanalare verso un utilizzo ideale lo scarto di lavorazione che sinora è stato un costo sia per le imprese che per l'ambiente".

"Una grande opportunità", conclude l'Argentati, che da pochi giorni ha siglato l'accordo di filiera per il prodotto trasformato con l'Assessorato Agricoltura per portare valore aggiunto ad una produzione che deve essere valorizzata in tutti i modi possibili. "Dalla produzione di un succo di qualità al 100% all'utilizzo di tutti i sottoprodotti della lavorazione. Obiettivo prioritario: remunerare meglio la materia prima al produttore".



Foto di gruppo

Da parte sua il Rettore Giacomo Pignataro ha sottolineato come questo accordo fra l'Università e il Distretto degli agrumi "va nella direzione di un rapporto sempre più intenso e sinergico tra il mondo della ricerca e quello della produzione, anche in vista delle scadenze legate all'Expo 2015 e alla programmazione europea del progetto Horizon 2014-2020, con le sue risorse che saranno le più cospicue sul tappeto in quest'ambito".

Vittorio Cino (The Coca-Cola Italia) ha evidenziato i tre fattori che hanno portato al finanziamento del progetto del Distretto degli Agrumi: "Primo per la qualità oggettiva del progetto industriale; secondo perché veniva dal territorio, era una richiesta del mondo produttivo siciliano; e terzo perché è un progetto che, una volta superata la fase di stat-up, può camminare con le sue gambe, che ha un futuro di autonomia".

Il finanziamento di The Coca-Cola Foundation a favore del riuso in chiave energetica del pastazzo, risale all'inverno del 2013 e ha di fatto anticipato, nei contenuti, un orientamento strategico del Governo Italiano contenuto nella Legge di Stabilità 2014 pubblicata nella Gazzetta ufficiale del 27 dicembre ed in vigore dal 1 Gennaio 2014. Per l'impiego sostenibile del pastazzo, infatti, l'articolo 1 (comma 114) prevede lo stanziamento di 2 milioni di euro per il 2014 al fine di elaborare e realizzare progetti di ricerca e sviluppo nel settore agro-industriale nelle aree di produzione della Sicilia orientale, con particolare riferimento al reimpiego sostenibile degli scarti provenienti dalla lavorazione industriale degli agrumi.

Nella foto di apertura: da sinistra, Vittorio Cino, Dario Cartabellotta, Giacomo Pignataro, Federica Argentati.

The Coca-Cola Foundation
Dalla sua nascita, 30 anni fa, The Coca-Cola Foundation ha donato quasi 700 milioni di dollari per sostenere iniziative a carattere comunitario in tutto il mondo: dalla gestione delle risorse idriche al riciclo, dagli stili di vita sani e attivi alla formazione.


Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia
Nato nel 2005 come "Distretto Produttivo Arancia Rossa" – nome modificato nel giugno 2011 per poter valorizzare, riuniti sotto il brand "Sicilia", tutte le tipologie di agrumi prodotti nell'isola – il Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia è storicamente il primo grande esperimento di coesione fra aziende private, enti pubblici e rappresentanze agricole mai realizzato nella regione nel campo dell'agrumicoltura. 137 i partner: da un lato le imprese della filiera (103), singole ed associate, dall'altro i consorzi di tutela dei prodotti IGP e DOP (Arancia rossa di Sicilia, Arancia Bionda di Ribera, Limone Interdonato Messina, Limone di Siracusa, Mandarino di Ciaculli, quest'ultimo in fase di riconoscimento) le associazioni di categoria, le amministrazioni locali, ed enti di ricerca scientifica, turismo relazionale e cooperazione per un totale di 34 organismi. Il Distretto Agrumi di Sicilia rappresenta 2 mila addetti, oltre 21 mila ettari coltivati e produce un fatturato annuo all'ingrosso di oltre 400 milioni di euro. Nel giugno 2011 i partner hanno sottoscritto un Patto di Sviluppo per individuare le azioni necessarie al reale sostegno delle imprese della filiera.


Fonte: Ufficio Stampa Distretto Agrumi di Sicilia
 


Altri articoli che potrebbero interessarti: