eventi
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

venerdì 28 febbraio 2014


MAERSK LINE NEL 2013 MIGLIORA I RISULTATI ECONOMICI

Il gruppo armatoriale danese A.P. Møller-Mærsk ha archiviato il 2013 con un utile netto di 3,78 miliardi di dollari, con una flessione del -6,5% rispetto a 4,04 miliardi di dollari nell'anno precedente (la comparazione con i risultati dell'esercizio precedente tiene conto della riclassificazione dei dati relativi al 2012 a seguito dell'applicazione dal 1° gennaio 2013 del principio IFRS 11 “Accordi a controllo congiunto” e della dismissione della partecipazione in Dansk Supermarked. Lo scorso anno i ricavi sono ammontati a 47,39 miliardi di dollari ed EBITDA e EBIT si sono attestati rispettivamente a 11,37 miliardi di dollari (-3,6%) e 7,34 miliardi di dollari (-4,7). L'utile ante imposte è stato pari a 6,62 miliardi di dollari (-6,5%).
La sola filiale Maersk Line, che opera i servizi marittimi di linea del gruppo, ha chiuso il 2013 con un miglioramento delle performance economiche avendo totalizzato un utile netto di 1,51 miliardi di dollari su ricavi per 26,20 miliardi di dollari rispetto ad un utile netto di 461 milioni di dollari su ricavi per 27,12 miliardi di dollari nel 2012. EBITDA ed EBIT sono aumentati rispettivamente del +52,0% e del +142,1% a 3,31 miliardi e 1,27 miliardi di dollari.
Lo scorso anno la flotta di portacontainer di Maersk Line ha trasportato volumi di carico pari a 8,8 milioni di container da 40 piedi (feu) rispetto a 8,5 milioni di feu nel 2012. Nel 2013 il nolo medio per container feu è risultato in deciso calo essendo stato pari a 2.674 dollari rispetto a 2.881 dollari nell'anno precedente. L'impatto di tale contrazione dei ricavi è stata più che compensata da un notevole abbassamento dei costi: il costo unitario per feu è sensibilmente diminuito essendo stato pari a 2.731 dollari rispetto a 3.054 dollari nel 2012 ed è calato anche il costo medio del fuel che è ammontato a 595 dollari alla tonnellata rispetto a 661 dollari/tonnellata nel 2012.
Lo scorso anno APM Terminals, la filiale che gestisce i container terminal portuali del gruppo danese, ha registrato un utile netto di 770 milioni di dollari su ricavi per 4,33 miliardi di dollari, con incrementi rispettivamente del +9,8% e +3,0% sul 2012. L'EBITDA è stato pari a 892 milioni di dollari (+2,4%) e l'EBIT a 826 milioni di dollari (-4,4%). Nel 2013 i container terminal di APM Terminals hanno movimentato un traffico dei container pari a 36,3 milioni di container da 20 piedi (teu) rispetto a 35,4 milioni di teu nell'anno precedente.

Fonte: Informare


Altri articoli che potrebbero interessarti: