eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

martedì 5 novembre 2013


RACCOLTA DI MELE OLTRE LE ASPETTATIVE E ANNATA RECORD PER IL BIO ...CON JOSEF WIELANDER – DIRETTORE VI.P.

Marzocchi - La raccolta delle mele è ormai terminata. Può descrivere per i lettori di Italiafruit News l'andamento in termini quantitativi e qualitativi della Golden e delle principali varietà da voi trattate? Hanno rispettato le vostre aspettative?

Wielander - La raccolta è ormai giunta al termine, si sta concludendo con le ultime varietà tardive. Siamo soddisfatti in quanto quest'anno il raccolto è stato buono, recuperando circa il 20% di prodotto che l'anno scorso era invece venuto a mancare a causa delle gelate primaverili. La pezzatura è leggermente inferiore a causa del ritardo nella fioritura e, di conseguenza, anche nella raccolta. Come quantità rientriamo quindi nella media triennale. Dal punto di vista qualitativo siamo contenti, la croccantezza, il colore e le qualità organolettiche dei frutti sono ottimali.
Per le quantità le nostre aspettative sono state confermate e anzi leggermente superate: inizialmente avevamo stimato un raccolto di circa 340.000 tonnellate che sono diventate 350.000, circa il 3% in più. Il settore Bio ha registrato invece un'annata record arrivando a coprire l'8% del raccolto.


Marzocchi - Alla fine di settembre le premesse della campagna di commercializzazione erano piuttosto positive, come sta proseguendo ora? Quali sono i trend più significativi di domanda e prezzi che rilevate nel mercato italiano e in quelli esteri?

Wielander - La campagna di commercializzazione prosegue in modo positivo, siamo ottimisti in quanto il nostro è un prodotto qualitativamente superiore, che sarà disponibile fino all'inizio della prossima raccolta. Per quanto riguarda i trend, questi dipendono da due fattori: nel mercato europeo, e in particolar modo in quello italiano, gioca un ruolo fondamentale il sistema economico mentre, nei mercati del Medio Oriente e dell'Africa, il problema resta la stabilità interna. In conclusione non ci sono particolari ostacoli se non quelli dettati dalle varie difficoltà politico/economiche e da un minore potere d'acquisto.




Copyright Italiafruit News




Altri articoli che potrebbero interessarti: