eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

mercoledì 2 ottobre 2013


ANCHE A MILANO NASCE IL SOCIAL MARKET: PREZZI AGEVOLATI PER CHI E’ IN DIFFICOLTA’

Dopo Parma, Lecce, Torino e Modena, anche a Milano ha aperto un social market.
Latte, biscotti e zucchero, omogeneizzati e pannolini. Saponi e detersivi per la casa. Frutta e verdura. Tutto a prezzi scontati del 25 per cento o completamente gratuiti per chi ha reddito basso o nullo ed è in carico ai servizi sociali del Comune di Milano. Beni di primissima necessità che da lunedì si possono comperare nel negozio solidale in via Leoncavallo 12, aperto con l'associazione Terza Settimana, in un bene confiscato alla mafia.
Dove meno di dieci anni fa si organizzava il traffico di droga tra Palermo e Milano da oggi ci saranno solidarietà e allegria: insieme a Terza Settimana e Comune partecipa all'iniziativa anche la Fondazione Mike Bongiorno, che ha donato un furgone per la consegna gratuita della spesa a persone anziane e con disabilità. Il negozio di alimentari è realizzato senza costi aggiuntivi per il Comune grazie alla partecipazione di numerosi sponsor.
Soddisfatto l'assessore comunale alle politiche sociali, Pierfrancesco Majorino: ''Milano si riprende quello che le mafie le avevano sottratto e lo mette a disposizione di chi ha più bisogno'. Questo negozio solidale è l'esempio di come grazie alla sinergia tra Comune e privati si possano realizzare progetti che altrimenti rimarrebbero solo sulla carta. Noi siamo sempre più convinti che questa sia la strada da seguire".
Potranno fare la spesa nel negozio di via Leoncavallo adulti o famiglie con basso reddito o reddito zero segnalati dai servizi sociali del Comune o da enti privati, associazioni e centri di ascolto attivi nelle parrocchie che sceglieranno di usufruire del servizio. La partecipazione del beneficiario su una spesa di 20 euro potrà essere - a seconda dei casi - intera, di 10, 5 o 0 euro.

Fonte: ASCA
 


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: