eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 23 settembre 2013


DAL 2014 STOP ALLE AGEVOLAZIONI PER L’ACQUISTO DI TERRENI DA PARTE DEGLI AGRICOLTORI PROFESSIONALI. CIA: SCELTA ASSURDA, SERVE UN PASSO INDIETRO

Il recente decreto legge 104/2013, che interviene nuovamente in materia di imposte registro e ipocatastali, conferma la soppressione dall'anno prossimo delle disposizioni fiscali previste sull'acquisto di terreni agricoli e fondi rustici da parte di agricoltori professionali. Con questo provvedimento si cancella l'agevolazione fiscale in materia di PPC (Piccola Proprietà Contadina), vigente dal 1954, che in questi 60 anni ha consentito la composizione della titolarità fondiaria nei confronti di chi destina il terreno agricolo a finalità produttive.
A partire dal primo gennaio 2014, dunque, i trasferimenti a titolo oneroso di terreni agricoli - sottolinea la Cia (Confederazione italiana agricoltori) - saranno sottoposti all'imposta di Registro con aliquota unica del 9 per cento, superando l'attuale differenziazione tra l'aliquota ordinaria del 15 per cento e l'imposta fissa prevista a favore dei coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali iscritti ai fini previdenziali.
Ma "la Confederazione italiana agricoltori esprime forte contrarietà sulla decisione del Parlamento di cancellare le agevolazioni PPC - afferma il presidente nazionale, Giuseppe Politi - e manifesta grande preoccupazione per le conseguenze che potrebbe produrre a danno del settore agricolo, con effetti negativi per la stessa produzione agricola del nostro Paese".
"Particolarmente colpiti da questa nuova misura risultano i giovani imprenditori agricoli, quelli a cui la stessa politica non perde occasione per dichiarare vicinanza e attenzione, coloro che più di altri rivendicano la possibilità di accedere al bene terra a condizioni sostenibili - continua il presidente della Cia -. Le rassicurazioni che i vari ministri competenti si prodigano a pronunciare con convinzione risultano miseramente sconfessate da questa nuova legge".
"Lo sconcerto del mondo agricolo è palese, la preoccupazione tangibile". Per questo, conclude Politi, "la Cia chiede che si intervenga immediatamente a sanare questa condizione paradossale, confermando a favore degli agricoltori professionali le agevolazioni PPC sull'acquisto di terreni destinati allo svolgimento di attività agricole".

Fonte: Confederazione italiana agricoltori
 


Altri articoli che potrebbero interessarti: