eventi
MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

lunedì 5 ottobre 2020


Maltempo da incubo a Nord Ovest, ko frutta e nocciole

Weekend da incubo nel Nord Italia, soprattutto nella parte occidentale, a causa del maltempo che ha provocato morti e dispersi in Liguria e Piemonte con gravi conseguenze anche in Valle D'Aosta. Ponti crollati e ingenti danni, comuni isolati: in poche ore sabato è caduta la pioggia di sei mesi, superando un "record" che resisteva dal 1958. In seguito ai nubifragi, il livello del fiume Po è salito di sei metri; sotto pressione anche i laghi Maggiore e di Como. E' quanto emerge da un'elaborazione della Coldiretti sulla base del monitoraggio dell'Agenzia interregionale per il fiume Po (Aipo). Gravi i danni nelle campagne, con raccolti distrutti e animali dispersi.

Cuneese, Biellese e Verbano, in Piemonte, e il ponente ligure le zone più colpite, ma anche il resto della Liguria e la Valle d'Aosta non sono state da meno, tra fiumi esondati, sfollati, frane, allagamenti e colate di fango ovunque per le strade.

Campi allagati per l'esondazione del fiume Dora in bassa Valle d'Aosta, serre divelte dal forte vento, stalle evacuate, frutteti distrutti e vigneti pesantemente danneggiati. Secondo Coldiretti regionale  "i danni sono ingenti" dopo l'ondata di maltempo che si è abbattuta sulla regione alpina: "Le raffiche di vento hanno distrutto alcuni frutteti arrivando a sradicare dal terreno i pali che sostenevano le piante come fossero stuzzicadenti".



La fuoriuscita del Tanaro ha generato gravi danni ai noccioleti del fondovalle cuneese, come testimoniano queste immagini (tratte da Facebook): è la seconda volta in quattro anni che le pregiate piante di questa zona finiscono sott'acqua. Colture ko anche nel vercellese e in provincia di Biella. La Regione Piemonte chiederà lo stato di calamita.

Allerta per il maltempo anche in Emilia-Romagna. Arpa e Protezione civile hanno diramato una nuova allerta arancione per rischio idrogeologico nella pianura e nella bassa collina delle province di Parma e Piacenza e per vento sull'Appennino emiliano. L'allerta è valida per tutta la giornata di oggi.


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: