eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

giovedì 24 settembre 2020


«Bellanova scenda dal trattore e pensi all'ortofrutta»

L'esclusione del comparto ortofrutticolo dai beneficiari degli sgravi contributivi approda nell'emiciclo di Palazzo Madama. Ieri, nel corso di una interrogazione, il senatore della Lega Giorgio Maria Bergesio, che già in passato aveva pungolato e criticato l'esecutivo giallorosso sulla mancanza di interventi per il settore, è intervenuto in aula (foto sopra) sottolineando che “dopo tante promesse sul fronte dei risarcimenti assicurativi per i danni causati al settore ortofrutticolo dalla cimice asiatica, stimati dai sindacati in 600 milioni di euro l'anno, il Governo non solo ha fatto poco ma è riuscito nell'incredibile impresa di fare peggio, escludendo il comparto dagli sgravi contributivi".

"Il settore ortofrutticolo in Italia vale 14 miliardi di euro, conta 340mila imprese e 700mila occupati", ha ricordato il piemontese Bergesio nel suo intervento. "Il governo a parole dice di volere puntare alla valorizzazione dell'export quando il settore produce soprattutto per il mercato italiano. E' evidente, davanti a questi numeri, che il Fondo previsto nel Dl Rilancio da 426 milioni non solo è insufficiente ma umilia i lavoratori italiani". E ha concluso, riferendosi a una foto dei giorni scorsi: "Bene farebbe il ministro Bellanova invece di guidare il trattore, a imparare a guidare il suo ministero implementando le risorse e modificando subito il decreto sull'esclusione degli oneri previdenziali e contributivi per allevatori e agricoltori".




A difesa dell'operato del Mipaaf il sottosegretario Giuseppe L'Abbate ha spiegato che "per fronteggiare i contraccolpi economici della pandemia Covid-19 che si sono sommati ai danni causati nelle regioni del Nord Italia dalla cimice asiatica e alle gelate che hanno portato a cali drammatici del raccolto, il ministero delle Politiche agricole è impegnato nell’aggiornamento della Strategia nazionale in materia di riconoscimento e controllo delle organizzazioni di produttori ortofrutticoli e loro associazioni con l’obiettivo di introdurre innovazioni agevolative significative alle caratteristiche delle realtà organizzative ed associative, cercando di sfruttare appieno le flessibilità introdotte nelle misure anti-Covid".

“Il rilancio del settore deve avvenire non solo attraverso il consolidamento del mercato interno – ha dichiarato ancora L’Abbate,  – ma anche tramite l’implementazione delle esportazioni, consolidando le esportazioni delle produzioni ortofrutticole che deve essere protagonista del Patto per l’export, a cui è collegata la spesa di oltre un miliardo di euro. Possiamo e dobbiamo migliorare la nostra presenza nei mercati esteri e far valere la forza del marchio Italia nel mondo". 

"Negli ultimi mesi – ha proseguito il sottosegretario – abbiamo raggiunto risultati importanti grazie ai quali, a dimostrazione della forza attrattiva che continuiamo ad esercitare sui mercati mondiali, si è registrato un incremento del 6,95% delle nostre esportazioni. Solo a titolo esemplificativo, ricordo lo sblocco del mercato brasiliano per le susine avvenuto lo scorso febbraio, la conclusione del negoziato con la Thailandia in aprile per l’esportazione delle mele, il via libera a maggio dell’export di mele a Taiwan e la recente firma dell’addendum al protocollo per l’esportazione di kiwi in Cina. Traguardi rilevanti raggiunti anche grazie al Tavolo ortofrutticolo che adesso dovrà misurarsi con la strategia di intervento della nuova Pac 2021-2027”.



E ha proseguito: "A seguito del riconoscimento di eccezionalità dell’infestazione da cimice asiatica, inoltre, sono state presentate circa 3.100 domande, per un importo richiesto di circa 180 milioni di euro a fronte di una disponibilità attuale di 150 milioni. Di certo c’è ancora da fare, nelle prossime settimane si definirà la costruzione di un piano di recupero e resilienza per nuovi rapporti di filiera, progetti per sostenere il ruolo dell’agricoltura nei cambiamenti climatici, per fermare il dissesto idrogeologico e per rafforzare la sostenibilità”. 

Infine, su polizze assicurative e gelate: “Il Piano di gestione dei rischi 2020 - ha detto L'Abbate - già consente, ferma restando la validità annuale delle singole polizze, l’impegno pluriennale delle parti al tacito rinnovo del contratto assicurativo e la conseguente copertura con l’approssimarsi dei rischi, con premi coperti sino al 70% della spesa, il massimo consentito dalla normativa europea. Peraltro per quanto riguarda i danni da gelo e brina a carico delle drupacee, una soluzione adeguata potrebbe essere fornita dalle Regioni, anche indirizzando, tramite le misure dei Programmi di sviluppo rurale, le scelte degli agricoltori verso varietà con una maggiore resistenza al freddo”.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: