eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

martedì 22 settembre 2020


«Un'estate che non potremo dimenticare»

La doccia fredda della telefonata dell'Agenzia di tutela della Salute (Ats) Val Padana, la paura di dover chiudere, la vicinanza di clienti e competitor che trasforma l'incubo in una bella pagina di solidarietà e resilienza: un'estate indimenticabile per l'Op Francescon che, a causa del coronavirus, ha vissuto la stagione produttiva e commerciale più difficile di sempre.  "Venerdì 31 luglio un nostro collaboratore non si è sentito bene - racconta il titolare Bruno Francescon - e lunedì 3 agosto, prontamente, è scattato il tampone per circa 180 persone del magazzino e delle aziende agricole socie. Poi martedì 4 l’Ats Val Padana mi chiama. E arriva la mazzata: un centinaio di loro è risultata positiva. Dal punto di vista umano ero preoccupato per la salute delle persone: poi alla fine solo in tre si sarebbero ammalati con sintomi evidenti e nessuno è mai stato in pericolo di vita. Dal punto di vista produttivo, però, rischiavamo molto: con i magazzini pieni di meloni e angurie e le richieste ai massimi dell'anno, chiudere anche solo per 3-4 giorni sarebbe stato disastroso".
 

Raccolta meloni, foto d'archivio

La notizia diventa di dominio pubblico, si intensificano le misure di sicurezza e di sanificazione ("ma già prima l'allerta era alta, misuravamo quotidianamente la temperatura al personale dello stabilimento e in campagna, tanto che l'Ats ha verificato come non ci sia stata alcuna nostra responsabilità per quanto avvenuto”, racconta Francescon); i magazzini vengono ripetutamente disinfettati da personale interno e da un'azienda esterna. 
 
Ed è a questo punto che scatta la gara di solidarietà: "Ringrazio di cuore i colleghi competitor - dice l'imprenditore lombardo - che si sono dimostrati amici veri; senza che chiedessimo nulla, infatti, si sono offerti di confezionare il prodotto e ci sono stati di grandissimo aiuto facendo sì che il magazzino potesse continuare a girare fino a quando abbiamo potuto riorganizzarci. Abbiamo perso pochissimi ordini. E, ancora, ringrazio di cuore i nostri clienti, a partire dalle catene distributive, che ci hanno contattato manifestando la loro vicinanza e mettendosi a disposizione in modo concreto, anche per anticipare i pagamenti". 
 
Una storia che dà ulteriore lustro al settore ortofrutticolo, che ha resistito nei momenti più difficili della pandemia e, a costo di sopportare sforzi e costi straordinari, è riuscito a garantire servizio e merce 24 ore su 24, 7 giorni su 7.


 
“Rivolgo un sincero grazie - aggiunge Francescon - anche ai collaboratori rimasti al lavoro, che hanno tirato fuori il meglio di loro in un momento così critico. E all'Ats Valpadana, molto disponibile: il suo personale ha fatto sì che, nel pieno rispetto delle normative, potessimo continuare a lavorare".
 
Poi, nei giorni del Ferragosto, il graduale ritorno post-quarantena del personale: "Dal 20 agosto abbiamo recuperato quasi tutti ritrovando la normalità - conclude Francescon - anche se purtroppo alcuni, pochi, collaboratori stretti sono ancora a casa... Questo virus è imprevedibile, provoca conseguenze molto diverse da persona a persona". 
 
Un'estate fuori da ogni schema per uno dei player più importante del settore, insomma, che nel momento più difficile ha beneficiato dell'apporto di tanti, superando con coraggio e forza una prova di straordinaria difficoltà.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: