eventi
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
SIMPOSIO MONDIALE DELLE CAROTE
York (Regno Unito)
4-7 Ottobre 2021 

leggi tutto

mercoledì 29 luglio 2020


Mercato di Taranto, verso il rilancio della struttura

Venerdì scorso gli assessori del Comune di Taranto Paolo Castronovi e Fabrizio Manzulli, accompagnati dal presidente di “Kyma Ambiente – Amiu” Giampiero Mancarelli, hanno effettuato un sopralluogo al mercato ortofrutticolo MeTa.

Un’occasione proficua di ascolto e confronto con gli operatori, per raccogliere suggerimenti preziosi da riversare negli atti amministrativi che l’amministrazione Melucci intende predisporre per il rilancio della struttura e dell’intera rete mercatale cittadina. L’obiettivo è trasformare i mercati in veri e propri luoghi di aggregazione e di creazione di valore, superando un format che ha mostrato negli ultimi anni dei limiti.

«Queste strutture sono il punto di partenza della microeconomia locale – ha spiegato Manzulli – un nodo fondamentale dal quale transitano risorse, posti di lavoro e sviluppo. Cambiare il loro modello di gestione è un’opportunità che vogliamo cogliere fino in fondo e ci stiamo attivando affinché ciò accada nel breve termine».

Il MeTa rappresenta la sfida più importante, struttura che ha bisogno di essere completamente ripensata per poter esprimere tutte le sue potenzialità.

«Mi preme ringraziare i ragazzi della cooperativa Kratos – ha aggiunto Castronovi – per il grande lavoro svolto ogni giorno per garantire il decoro all’interno del mercato ortofrutticolo. Grazie al loro impegno, il MeTa, ma anche tutti gli altri mercati, vengono ripuliti dai rifiuti che si accumulano per l’attività corrente degli operatori, ma anche per qualche abuso che viene consumato da loro colleghi o clienti meno attenti al decoro che merita ogni luogo di comune fruizione. I mercati che sta immaginando l’amministrazione dovranno garantire situazioni di costante decoro, azzerando completamente quei fenomeni di inciviltà che minano l’immagine di luoghi che, altrove, sono riferimenti non solo commerciali, ma anche turistici e culturali».

Fonte: ufficio stampa Comune di Taranto


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: