eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

martedì 14 aprile 2020


Think Fresh Webinar Preview, appuntamento online il 28 maggio

Nulla tornerà più come prima ci sentiamo dire ogni momento ma, in apnea per far fronte all’emergenza, la filiera ortofrutticola non ha ancora avuto il tempo per pensare a come sarà il dopo. Ora, però, è necessario concentrare il pensiero sul futuro per non farci cogliere impreparati da un consumatore che ha rotto bruscamente i ponti con il passato e sta plasmando nuove abitudini nel modo di fare la spesa e di approcciarsi al cibo. In questo nuovo contesto sarà il nostro comportamento a consentirci o meno di vedere premiate frutta e verdura nei nuovi comportamenti d’acquisto.

Fra le tante incertezze che, anche per il nostro business, contraddistinguono questo periodo alcune evidenze emergono infatti già con chiarezza, richiamando alla necessità di un nuovo approccio strategico verso i clienti e i consumatori finali per i rilevanti effetti che le modificazioni in corso potranno determinare nell’assetto della filiera ortofrutticola.
Mi riferisco, ad esempio, alla modalità e alla frequenza e d’acquisto. E’ già chiaro che per diversi mesi il distanziamento sociale obbligherà una diminuzione degli atti d’acquisto e la crescente domanda di consegna a casa, collegata a questo disagio, porterà a uno sviluppo del servizio sia su base e-commerce che con metodi più artigianali, come quelli messi in campo dai fruttivendoli un po’ in tutta Italia. Poter ragionare con strumenti predittivi su quanto di queste nuove abitudini si sedimenterà è di vitale importanza per capire l’evoluzione dei canali d’acquisto e, conseguentemente, la collegata modificazione della domanda. Ciò che compra un fruttivendolo è infatti molto diverso da ciò che interessa a una catena di distribuzione.



Simili questioni nasceranno sul confezionamento, sull’origine del prodotto, sul biologico, sui prodotti servizio, così come sull’alto di gamma. Non meno importante sarà interpretare l’evoluzione del mercato internazionale, con particolare riferimento al sistema della logistica - poiché esportiamo e importiamo quasi un terzo dei nostri consumi interni di fresco - e una modificazione dell’assetto avrà importanti ripercussioni nella pressione commerciale sul mercato interno.

L’altra evidenza è che almeno in un orizzonte di diversi mesi non avremo più l’opportunità di realizzare frequenti incontri con i nostri clienti/fornitori e dovremo ridurre le visite ai mercati e ai negozi un tempo programmate con metodo per comprendere l’evoluzione della domanda e della concorrenza, senza contare il supporto di assaggi e vendita assistita dei prodotti all’interno dei punti di vendita, che andranno completamente riviste alla luce del nuovo modo di fare la spesa, ma che ci priveranno di gran parte delle informazioni necessarie soprattutto per individuare il potenziale dell’innovazione.

Questioni vitali da affrontare per garantire il mantenimento di un buon tenore di consumi, almeno sul fronte domestico, in una competizione ancora più difficile con altre categorie merceologiche che godranno del vantaggio della minore deperibilità e di maggiori investimenti in comunicazione, resi ancora più efficaci da consumatori con più tempo a disposizione per guardare la televisione o navigare sui social.



Per tentare di dare alcune indicazioni su tutti questi temi abbiamo deciso di realizzare un webinar di approfondimento a tre mesi dall’inizio della pandemia sulla base dei dati che emergono dalla rilevazione settimanale sull’andamento delle vendite realizzata dal Monitor Ortofrutta di Agroter, integrato con l’analisi della modificazione del comportamento d’acquisto e di consumo in chiave prospettica sulla base delle dichiarazioni del panel dei responsabili acquisti che stiamo intervistando in questo periodo per la monografia Think Fresh. Sarà una preview di questo prodotto editoriale dove, con l’aiuto di alcuni ospiti d’eccezione, cercheremo di fare il punto sulla situazione e proveremo a disegnare i possibili scenari futuri per la filiera permettendo a tutti i partecipanti di interagire in diretta on line. L’evento è riservato ai partner di Think Fresh (scopri qui come poter partecipare) che grazie alla piattaforma on line potranno essere parte attiva del dibattito che nascerà dalla lettura dei numeri. Appuntamento al pomeriggio del 28 Maggio. SAVE THE DATE. A breve tutti i dettagli.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: