eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

giovedì 19 settembre 2019


Blitz anti-caporalato, due arresti a Bari

I Carabinieri hanno arrestato due persone, tra cui un 80enne titolare di un'impresa agricola di Noicattaro (Bari) e un 37enne di origini ghanesi, durante alcuni controlli sullo sfruttamento del lavoro. I militari hanno focalizzato la loro attenzione su alcuni vigneti alla periferia del paese, dove erano stati individuati una roulotte e un container in cui vivevano alcuni giovani di origine africana i quali si occupavano di tutte le attività riguardanti la cura delle piante e la raccolta dell'uva.

I controlli hanno consentito di identificare quattro cittadini ghanesi, di età compresa tra i 41 ed i 21 anni, uno dei quali con permesso di soggiorno scaduto. Dalle verifiche, è immediatamente emerso che il 41enne, regolarmente assunto nell’azienda, aveva il compito di reclutare la manodopera da impiegare e di organizzare e dirigere le varie mansioni degli altri lavoratori che venivano pagati 35 euro al giorno per un lavoro di 6-8 quotidiane. La paga minima, in base al contratto nazionale, ne prevede almeno 67 lorde. 

I braccianti vivevano in alloggi fatiscenti tra cui un box di lamiera e una roulotte, in cattive condizioni igieniche e spazi ristretti. Chi si lamentava, inoltre, secondo quanto accertato dai Carabinieri, veniva minacciato dal caporale di essere sostituito. 

L'80enne e il 41enne sono stati arrestati per sfruttamento del lavoro e di intermediazione illecita. Tra le presunte violazioni contestate anche l’impiego di lavoratori privi di permesso di soggiorno, l’omessa formazione dei dipendenti sui rischi per la salute e sicurezza sul lavoro, l’impiego di lavoratori subordinati “in nero” e il divieto di retribuzione mediante pagamenti non tracciabili. I due sono stati condotti ai domiciliari. Elevate complessivamente sanzioni amministrative per 31mila euro e ammende per 20mila, assieme alla sospensione dell'attività produttiva

Fonte: Bari Today 


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: