eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 10 settembre 2019


Cimice asiatica, pressing sulle istituzioni

Si accentua il pressing sulle istituzioni per arrivare a risposte concrete in grado di contrastare il flagello della cimice asiatica. La gravità del problema e l'azione di sensibilizzazione delle organizzazioni agricole stanno facendo suonare il campanello d'allarme: ieri Mara Bizzotto, europarlamentare leghista, ha presentato una interrogazione urgente al Parlamento Europeo chiedendo l’istituzione di un fondo a sostegno delle aziende agricole italiane danneggiate. Tra le richieste anche la conduzione di uno studio sulle possibili misure di contrasto alla diffusione e un tavolo di confronto tra istituzione europee e operatori dei Paesi colpiti per “lo scambio di buone pratiche agricole”.

Dopo l’incontro organizzato giovedì nel veronese da Coldiretti, l’altro europarlamentare della Lega Paolo Borchia, tra i presenti alla serata, ha scritto al neo-ministro delle politiche agricole Teresa Bellanova chiedendo di ”notificare tempestivamente alla Commissione europea l'emergenza in corso, determinando le dimensioni del fenomeno e i conseguenti danni al reddito degli agricoltori”. Al neo ministro, l’esponente leghista chiede inoltre conferma della “convocazione di un tavolo interministeriale sul parassita”.
 
Per venerdì prossimo, 13 settembre, è intanto in programma una manifestazione davanti alle Prefetture delle principali province frutticole organizzata da Cia-Agricoltori italiani, Confagricoltura e Agri Veneto: si svolgerà in contemporanea in Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia.



E si preannuncia  massiccia la presenza del mondo politico alla manifestazione regionale di Confagricoltura Veneto fissata per martedì 17 settembre alle 18 al teatro Balzan di Badia Polesine (Rovigo), dove i frutticoltori, insieme agli agricoltori e ai dirigenti nazionali e regionali di Confagricoltura, lanceranno un  grido di allarme sul flagello della cimice asiatica. Obiettivo: far capire la gravità della situazione e "scuotere la coscienza" di chi deve assumere iniziative adeguate.  

Hanno annunciato la loro presenza tra gli altri Giuseppe Pan, assessore regionale all’agricoltura; Cristiano Corazzari, assessore regionale al territorio, cultura e sicurezza; Sergio Berlato, presidente della III commissione regionale; i deputati Antonietta Giacometti, vicesindaco di Badia Polesine e Roberto Caon, componente della commissione Agricoltura della Camera; i senatori Roberta Toffanin, membro della commissione parlamentare per le questioni regionali e Gianpaolo Vallardi, presidente della commissione Agricoltura e produzione agroalimentare. Il presidente regionale Luca Zaia farà pervenire un messaggio di saluto al pari degli europarlamentari Paolo De Castro e Herbert Dorfmann, impegnati quel giorno nella seduta plenaria a Strasburgo.



Nella piazza di Badia Polesine sarà installato un maxischermo, per consentire a tutti di seguire i numerosi interventi che saranno mirati a dare un contributo alla soluzione di un problema che ha causato danni dal 40 fino al 100% della produzione in molte aziende. “Confagricoltura chiederà la dichiarazione dello stato di emergenza del settore ortofrutticolo, con la previsione di un sostegno al reddito degli agricoltori e sgravi fiscali e contributivi - sottolinea Lodovico Giustiniani, presidente di Confagricoltura Veneto. “Puntualizzeremo anche come sia necessaria la creazione di un coordinamento nazionale per la ricerca di soluzioni al problema, sostenuta da consistenti risorse pubbliche statali e regionali. Infine, servono contributi fino al 100% della spesa per l’installazione di reti antinsetto”.

“La cimice asiatica è la Xylella del Nord”, ha detto ieri Fabio Rolfi, assessore all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia in merito alla sua diffusione nella Pianura Padana. “Ci aspettiamo da Roma la stessa attenzione e le stesse risorse. Per questo chiediamo che venga riconosciuta a livello nazionale la situazione di emergenza e venga istituito un fondo straordinario di sostegno e di indennizzo alle aziende agricole danneggiate. Questo insetto sta mettendo a rischio la redditività delle imprese".

“Il flagello cimice asiatica ha portato alla luce in tutta la sua portata il tema dell’impatto strategico dell’agricoltura sul territorio e del suo ruolo nella tutela dell’ambiente”, ha dichiarato dal canto suo il presidente di Confcooperative Verona, Fausto Bertaiola. “Per l’agricoltura veronese rischia di essere la mazzata finale con conseguenze che forse non vengono considerate nella loro reale dimensione per le ricadute economiche, ambientali, paesaggistiche”. “E’ indispensabile - ha concluso - aiutare i produttori con risorse ad hoc, investire sulla ricerca che ha già individuato negli insetti antagonisti la forma di contrasto più efficace alla diffusione della cimice asiatica, e da ultimo ammodernare le aziende agricole con l’installazione delle reti antinsetto”.

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: