eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

Stefano Pezzo martedì 16 luglio 2019


«Inizio d'estate favorevole per l'import di ortaggi»

Un giugno che ha chiuso in crescendo e una prima metà di luglio nel complesso soddisfacente, con prezzi medio-alti per angurie, meloni e ortaggi d’importazione, un po’ meno gratificanti per le drupacee: è il bilancio di inizio estate stilato da Stefano Pezzo, presidente di Fruitimprese Veneto e titolare dell’aziende veronese Cherry Passion. Archiviato un maggio disastroso, che con il suo maltempo ha marchiato a fuoco, in senso negativo, la stagione di alcune referenze di punta, in primis le ciliegie, all’orizzonte è tornato il sereno. Nessun exploit, certo, ma un trend più che discreto, tale da ridare slancio e fiducia agli operatori.



“Le ciliegie - sottolinea Pezzo - si sono riprese nell’ultima fase della campagna dopo un inizio drammatico, ma in ogni caso i conti non tornano: ne abbiamo venduto il 50% in meno, le condizioni meteorologiche avverse hanno condizionato pesantemente il mercato. La stagione del kiwi veneto è finita da tempo, quella delle mele idem; la nuova scatterà ad agosto. Nel frattempo la mia azienda importa molti pomodori dai Paesi Bassi, perché la produzione italiana è contenuta, macinando volumi decisamente maggiori rispetto allo stesso periodo del 2018; per lo stesso motivo, in attesa siano pronti quelli nazionali, stanno performando bene i peperoni olandesi”.



Dopo una campagna commerciale decisamente positiva, le patate regionali aprono con buone prospettive: stando a quanto riferisce un produttore locale, è iniziata infatti sotto i migliori auspici la stagione pataticola di Cologna Veneta, il cui comprensorio è accreditato di una produzione di circa 400mila quintali. Nonostante un calo di produzione causato dal repentino sbalzo termico avvenuto fra i mesi di maggio e giugno, le varietà precoci dei terreni rossi del Guà, chiamate Agata e Colomba promettono bene complice la mancanza di prodotto sul mercato continentale. La resa stimata dovrebbe essere del 20% inferiore alla campagna precedente. Ma la qualità è buona e i prezzi adeguati, tra i 25 e i 27 centesimi il chilo, con una previsione di innalzamento dei listini via via che la stagione avanzerà, stando alle dichiarazioni dei produttori del territorio.

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: