eventi
INTERPOMA CHINA
Shanghai
15-17 Aprile 2019
THINK FRESH 2019
Rimini
7 Maggio 2019
MACFRUT 2019
Rimini
8-10 Maggio 2019
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019

leggi tutto

martedì 26 marzo 2019


Fertilità del terreno, ecco come preservarla

Un giusto bilanciamento minerale per preservare la fertilità del terreno. Ma per sapere con quale soluzioni intervenire, è necessario analizzare il terreno per valutare la necessità o meno della concimazione.

"Le analisi del terreno, da effettuarsi con cadenza regolare almeno ogni cinque anni, aiutano l’agricoltore ad orientarsi nella scelta dei concimi e nell’individuazione delle più appropriate dosi e epoche d’impiego", spiega Francesco Rigacci, responsabile consulenza tecnica di K+S Italia, filiale dell'omonima multinazionale tedesca specializzata nella produzione di concimi minerali a base di potassio e magnesio, commercializzati in tutto il mondo.

"Una concimazione fatta senza considerare l’effettiva dotazione minerale e organica - aggiunge l'esperto - può condurre nel tempo a terreni squilibrati. Senza considerare il rischio concreto di veder vanificato lo sforzo economico del produttore che, anziché correggere eventuali carenze o eccessi, adotta una strategia nutritiva che non riflette lo stato del suo terreno".
 
K+S KALI GmbH
offre diverse soluzioni per nutrire orticole e frutticole con potassio, magnesio, zolfo e microelementi. "Un eventuale squilibrio tra la presenza di potassio, magnesio e calcio, si traduce a livello radicale in situazioni di carenza minerale più o meno severe - continua il responsabile della consulenza tecnica della società - che compromettono la resa e la qualità delle produzioni di fruttifere e orticole".

Per garantire un’equilibrata nutrizione minerale, K+S ha strategie mirate a seconda dell'obiettivo da raggiungere.

Per apportare solo potassio, l'azienda raccomanda l’impiego di:
- KALISOP Plus (51% K2O, 45% SO3) è solfato di potassio granulare consentito in agricoltura biologica.
- soluSOP 52 (52% K2O, 45% SO3) è solfato di potassio idrosolubile per fertirrigazione e concimazione fogliare, consentito in agricoltura biologica

Per apportare potassio e magnesio in rapporto di 3/1, si raccomanda invece l’impiego di Patentkali, solfato potassico magnesiaco granulare consentito in agricoltura biologica, con il 30% K2O, 10% ossido di magnesio e il 42,5% di anidride solforica.

Per apportare solo magnesio:
-    ESTA Kieserit gran (25% MgO, 50% SO3) è solfato di magnesio granulare consentito in agricoltura biologica.
-    EPSO Top (16% MgO, 32,5% SO3) è solfato di magnesio eptaidrato per fertirrigazione e concimazione fogliare, consentito in agricoltura biologica.

Per apportare boro, manganese e zinco:
-    EPSO Microtop, solfato di magnesio eptaidrato con boro e manganese per fertirrigazione e concimazione fogliare, consentito in agricoltura biologica.
-    EPSO Combitop, solfato di magnesio eptaidrato con manganese e zinco per fertirrigazione e concimazione fogliare, consentito in agricoltura biologica.

"Carenze minerali possono compromettere la qualità dei prodotti - conclude Rigacci - oltre a causare situazioni di stress alle piante". Ecco alcune esempi (fonte foto K+S KALI GmbH).

carenze minerali

K+S KALI mette a disposizione la propria guida per la concimazione di orticole, frutticole: è possibile richiederla cliccando qui.

carenze minerali

Copyright 2019 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

K+S

Altri articoli che potrebbero interessarti: