eventi
CIBUS CONNECT
Parma
10-11 Aprile 2019
INTERPOMA CHINA
Shanghai
15-17 Aprile 2019
THINK FRESH 2019
Rimini
7 Maggio 2019
MACFRUT 2019
Rimini
8-10 Maggio 2019
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019

leggi tutto

lunedì 11 marzo 2019


Aziende agricole, aumentano i contributi per la manodopera

La contribuzione a carico delle aziende agricole per la manodopera occupata nel 2019 è fissata al 46,1365%. L'incremento, rispetto allo scorso anno, è dovuto all'art. 3 del dlgs. n.146/97 (uno dei provvedimenti sull'armonizzazione dei regimi previdenziali deciso dalla legge di riforma del sistema pensionistico n.335/1995), il quale stabilisce che l'aliquota destinata al fondo pensioni dovuta per gli operai agricoli aumenti annualmente, sino a raggiungere quella prevista per la generalità dei datori di lavoro, di uno 0,70%: 0,50 a carico del dipendente e 0,20%, a carico dell'impresa. Considerato che per i lavoratori è stata già raggiunta l'aliquota contributiva a loro carico (8,84%), l'incremento di cui sopra riguarda solo la quota a carico del datore di lavoro. L'aumento, in altre parole, è di 0,20%, per cui l'aliquota Ivs del settore primario passa quindi dal 28,90, al 29,10%. di cui 20,26% a carico azienda. Le nuove tabelle contributive valide per l'anno in corso sono riportate nella circolare n. 37/2019, nella quale l'ente ricorda peraltro le agevolazioni previste per le aziende operanti nei territori svantaggiati.?

Minimale di retribuzione. Il limite minimo di retribuzione giornaliera da valere per l'anno 2019, ai fini dell'imposizione dei contributi dovuti per gli operai agricoli a tempo indeterminato è pari a 43,35 euro. Mentre per la quota di retribuzione mensile superiore a 3.929 euro, pari al «tetto» pensionabile 2019 (47.143 euro annui), l'aliquota contributiva a carico degli operai a tempo indeterminato va maggiorata di un punto. Va ricordato che dal 1° gennaio 1998 tale aliquota è applicabile anche alle retribuzioni eventualmente rientranti nelle quote eccedenti il predetto limite, percepite dagli operai a tempo determinato, per i quali la contribuzione è calcolata sulle retribuzioni effettive, in luogo del salario medio nazionale.?

Fonte: ItaliaOggi


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: