eventi
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 17 dicembre 2018


L'aglio nero prende piede: italiano, balsamico e già pelato

Restando fedele alla sua capacità di presidiare nuove nicchie di mercato in crescita, l'azienda piacentina Delfanti Trade, specialista in aglio, cipolle e scalogno, ha allargato la propria gamma con un nuovo prodotto ad elevato contenuto di servizio: l'aglio nero italiano a spicchi già pelati.

"Il colore nero non è altro che il risultato di un trattamento di disidratazione naturale che dura 30-40 giorni e che consente di trasformare il classico aroma dell'aglio bianco piacentino in un sapore balsamico e delicato", spiega a Italiafruit News l'imprenditore Francesco Delfanti.

Il gusto più "morbido" ne amplia le possibilità di utilizzo in cucina, rendendolo infatti un alimento consumabile a crudo. "Viene consigliato anche per aromatizzare i piatti, proprio come fanno i ristoranti gourmet. Si può mettere intero sulla carne, sulla pizza o frullare con altre materie prime per cucinare sughi e condimenti per antipasti, primi e secondi piatti".



L'aglio nero italiano di Delfanti Trade si differenzia sul mercato europeo per l'alto livello di servizio, dal momento che viene proposto a spicchi, già pelato e pronto per il consumo, all'interno di un "secchiellino" da 50 grammi.

"La novità è da poco disponibile presso alcune importanti catene del retail tradizionale e di cash & carry - aggiunge Francesco Delfanti - che lo stanno testando per valutare i consumi. Si tratta, ovviamente, di una variante gourmet dell'aglio bianco tradizionale: una nicchia nella nicchia che però, secondo la nostra azienda, potrà riuscire gradualmente a prendere piede sulla spinta dell'aumento della conoscenza dei consumatori e dell'Horeca".

Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: