eventi
FRUIT LOGISTICA
Berlino
6-8 Febbraio 2019
BIOFACH 2019
Norimberga
13-16 Febbraio 2019
CIBUS CONNECT
Parma
10-11 Aprile 2019
MACFRUT 2019
Rimini
8-10 Maggio 2019

leggi tutto

martedì 4 dicembre 2018


Quarta gamma, un 2018 al galoppo

Gianfranco D’Amico, presidente di categoria all’interno di Aiipa e amministratore delegato di Bonduelle Italia, parla senza mezzi termini di “numeri da boom economico”: in un periodo caratterizzato da consumi tutt'altro che brillanti, la IV gamma e le sue sottocategorie sono in netta controtendenza e mettono a segno percentuali di crescita sorprendenti.

“Per certi versi - spiega D’Amico - la situazione può essere definita paradossale: a ottobre 2018 il food e beverage è in calo dello 0,2% rispetto ai primi dieci mesi del 2017 con la sola private label in ascesa del 3% circa a fronte di evidenti difficoltà delle grandi marche, mentre le nostre categorie hanno raggiunto a novembre il valore di 800 milioni di euro al trade, il 5,5% più di dodici mesi prima; il progresso più evidente è quello che si registra nei discount che crescono del 10% circa, ma vanno bene anche gli ipermercati, su del 5,5% e i supermercati, che guadagnano il 6%, mentre i piccoli negozi sono un po' meno brillanti. Numeri importanti, numeri record che raccontano di una categoria sana, trainata da tutti i sottosegmenti”.



E se anche il comparto più maturo, quello delle insalate in busta, che valgono l’80% circa del business totale, porta a casa un significativo più 3%, sempre in valore, vuol proprio dire che il momento è propizio:  “Il consumatore sta iniziando a comprendere e premiare il lavoro di fondo fatto dalle aziende di settore sulla qualità e sull’innovazione”, commenta D’Amico (nella foto sopra). “E' un riconoscimento, in particolare, alla capacità di cogliere i nuovi trend legati a tutto ciò che è vegetale, alle nuove forme di convenience: non a caso, sempre con riferimento ai dati aggiornati a novembre, le insalate in ciotola crescono del 25%, le zuppe pronte del 17%, le insalate di cereali pronte al consumo del 18%”.

Alla base dei buoni risultati anche un altro fattore, l’aggregazione: “Le quattro più importanti aziende di settore esprimono l’80% e oltre dei volumi. I localismi in questo mondo hanno un senso, ma il successo passa dall’organizzazione”.
 
Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: