eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019

leggi tutto

venerdì 23 novembre 2018


Il melograno si spinge sempre più a Nord

Melograno lombardo? Può sembrare una provocazione, in quanto è una specie tipica di areali caldi come il Sud Italia, ma non è così visto e considerato i risultati ottenuti dall'azienda agricola San Giorgio, situata alle porte di Milano. L'azienda è la business unit a livello agricolo di Ce.di.or., che ne cura tutti gli aspetti commerciali e di marketing.

"L'idea di coltivare melograno nei pressi di Milano – spiega Gianluigi Cugini, titolare della Ce.di.or. – è nata nel 2015, a seguito di richieste continue da parte della nostra clientela per un prodotto locale e dalle indubbie proprietà benefiche. Così, dopo alcune sperimentazioni, abbiamo deciso di mettere a dimora un impianto di melograni di circa sette ettari che ad oggi è il melograneto più a nord d'Europa".




"All'interno del frutteto – prosegue Cugini – coltiviamo due varietà in particolare, Mollar rosso e Kingdom, contraddistinte da un seme morbido quasi impercettibile e dai chicchi particolarmente dolci al palato. A livello agronomico si osserva una buona adattabilità al clima tipico della pianura padana, e comunque i nostri agronomi stanno adottando tutte le tecniche colturali idonee a migliorarne la coltivazione. Posso affermare che il prodotto è all'altezza delle aspettative".




Anche a livello di marketing è stato fatto uno sforzo importante per valorizzare al meglio un prodotto esclusivo. "Contestualmente all'impianto dei melograni abbiamo progettato un brand che potesse valorizzare al meglio un prodotto unico, ed è nato Chiaramente dolce, che rimanda a due caratteristiche peculiari dei chicchi di melograno, ovvero la dolcezza e la chiarezza. Anche il packaging, ovviamente, fa la sua parte, ed è stata studiata una linea grafica impattante che sta incuriosendo i nostri clienti, dai quali ci giungono richieste sempre più alte che ad oggi non riusciamo ancora a soddisfare vista la giovane età dell' impianto, ma che riusciremo sicuramente ad esaudire già dalla prossima campagna, con la piena entrata in produzione delle piante".

Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: