eventi
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
SIMPOSIO MONDIALE DELLE CAROTE
York (Regno Unito)
4-7 Ottobre 2021 

leggi tutto

martedì 6 novembre 2018


Il cardo a regola d'arte va a ruba al Caab di Bologna

Ha preso il via la raccolta in pieno campo del Cardo di Bologna (varietà Centofoglie), specialità del territorio caratterizzata da coste lunghe, senza spine e più sottili rispetto ad altre tipologie diffuse in Romagna. Un cardo che si può gustare non solo cotto, ma anche a crudo nei pinzimoni e nelle insalate grazie al retrogusto dolciastro e del tutto unico. 

L'imprenditrice Barbara Campagna, figlia di Gianni, storico socio della cooperativa Agribologna, ne produce circa cinquemila piante a Granarolo dell'Emilia e lo raccoglie da una ventina di giorni. 

"Fino a trent'anni fa - racconta a Italiafruit News - tutti gli agricoltori bolognesi avevano un terreno dedicato al cardo Centofoglie. Oggi non è più così: a coltivarlo sono rimasti soltanto pochi agricoltori, le colonne portanti di questa produzione di nicchia. Non tutte le aziende, però, sono in grado di lavorarlo a regola d'arte e con la passione nell'anima, come faccio io". 



Campagna pratica due legature durante la crescita vegetativa della pianta: la prima a una altezza di circa 50-60 cm, la seconda a 80-100 cm, utilizzando una manichetta telata in nylon per assicurare l'imbiancatura. 

Una volta raccolto, poi, il cardo è pulito, tagliato, fasciato e posizionato con cura nelle padelle che, a seconda della dimensione delle coste, possono contenere dai tre ai cinque pezzi. "Al Centro agroalimentare di Bologna - sottolinea l'imprenditrice - il mio cardo, particolarmente friabile e gustoso, va a ruba. Finora sono riuscita anche a spuntare un buon prezzo medio: 3,50 euro il chilo, superiore rispetto al 2017".

L'azienda di Barbara, guidata dal marito Marco Fava, proseguirà la stagione fino alla settimana prima di Natale, in base all'andamento delle vendite e, ovviamente, tempo permettendo. "Il vento della scorsa settimana ha dato un po' di fastidio, ma per fortuna non ha provocato danni", conclude Campagna. 



Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: