eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

venerdì 19 ottobre 2018


Pratiche sleali: negoziati da chiudere entro Natale

"L'approccio coraggioso e la visione ambiziosa che ha avuto il Parlamento europeo con il varo del regolamento Omnibus, rappresenta un passo fondamentale per rafforzare il potere contrattuale degli agricoltori e delle loro associazioni, ma non basta. Per dare ai nostri agricoltori la possibilità di continuare le loro attività procurandosi un reddito adeguato, ora bisogna approvare il dossier sulle pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare". Sono le conclusioni - ha reso noto Paolo De Castro, primo vice presidente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo - dello studio commissionato dalla ComAgri e presentato agli eurodeputati da Catherine Del Cont dell'Università di Nantes (Francia) e da Antonio Iannarelli dell'Università di Bari su "Le regole di concorrenza per la filiera agroalimentare nella Pac post 2020". 


"Le conclusioni dello studio - precisa De Castro - in merito all’allargamento del divieto di comportamenti sleali nei confronti di tutti gli attori della filiera, indipendentemente dalla loro dimensione, ricalcano esattamente ciò che come Parlamento europeo stiamo portando avanti da mesi con un intenso lavoro a cui manca solo l'imprimatur il 24 ottobre della Plenaria a Strasburgo, e nello stesso giorno cominceremo subito i negoziati con le altre istituzioni europee per chiudere entro Natale".

Per De Castro quindi, "è l'ultima occasione in questa legislatura per redigere una lista nera dei comportamenti da vietare da parte degli acquirenti, come le grandi centrali di acquisto, nei confronti di agricoltori e imprese, che ora devono sobbarcarsi costi derivanti da pratiche che vanno dai pagamenti ritardati per i propri prodotti, alla cancellazione last-minute di accordi di fornitura, dalle doppie aste al ribasso, alle vendite sotto-costo".  

Fonte: Ufficio stampa Paolo De Castro 


Altri articoli che potrebbero interessarti: